geniwit Il rischio di luce blu secondo i

Electronics Information

  • ELECTRONICS_POSTED_BY: Geniwit Admin
  • ELECTRONICS_POSTED_ON: May 26, 2021
  • Views : 1897
  • Likes : 1
  • Category : GPS & Navigation
  • Description : Il rischio di luce blu secondo il CIE. di Asselum | 23 maggio 2019 | Attualità

Overview

  • In questo articolo affrontiamo un tipo di contenuto sulla salute e l'interesse generale: il pericolo della luce blu . L'argomentazione di tali rischi è data dalla presa di posizione della CIE (International Commission of Illumination) sull'argomento da trattare.

    Il CIE è riconosciuto in tutto il mondo per la sua collaborazione nello scambio di dati e informazioni su qualsiasi argomento relativo all'illuminazione, alla fotobiologia, al colore e alla tecnologia dell'immagine.

    Date le sue solide basi tecniche e essendo riconosciuto dall'ISO come organismo di standardizzazione, riteniamo sia importante divulgare questo tipo di pubblicazioni scientifiche che possono interessarci tutti.

    Inoltre, va notato che Asselum è un membro del CIE, partecipando a molti gruppi di lavoro in qualità di consulente esperto . Un motivo in più per condividere questa notizia.

    Qual è il pericolo della luce blu?

    Il pericolo da luce blu è comunemente definito come l'effettivo danno agli occhi e l'influenza sul benessere generale. Questo rischio deriva dall'esposizione di un individuo alla luce blu, presente nelle sorgenti luminose.

    Tuttavia, il termine deve essere utilizzato solo quando si verifica la cosiddetta " fotomacoterapia" . Questo concetto rappresenta il rischio fotochimico per i tessuti retinici dell'occhio .

    La parola “blu” è inclusa nel concetto perché il rischio dipende dalla lunghezza d'onda, con il suo massimo nella gamma blu dello spettro della radiazione ottica (tra 435 nm e 440 nm).

    Inoltre, come spiegato dal CIE:

    "La Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non solitarie, (ICNIRP), ha pubblicato la" funzione di pericolo da luce blu ", una funzione del peso dipendente dalla lunghezza d'onda e una guida per i limiti di esposizione.

    CIE ha standardizzato questa funzione nell'ICD S 009: 2002 "Sicurezza fotobiologica di lampade e sistemi di lampade", attualmente pubblicato come IEC / CIE 62471: 2006. "

    La conclusione a questo è stata:

    "Non ci sono prove di effetti nocivi sulla salute negli esseri umani prodotti dall'esposizione occasionale a radiazioni ottiche ai limiti di esposizione citati."

    Un altro aspetto importante è la luce bianca emessa sia dalle lampade che dai led. Normalmente questo include una proporzione di luce relativa al pericolo di luce blu.

    Le lampade note come "fredde" o con temperature di colore elevate hanno una percentuale di luce blu maggiore rispetto a quelle "calde" o con una temperatura di colore bassa.

    Esistono studi che dimostrano che i limiti di pericolo per l'esposizione al rischio di luce blu non vengono superati in condizioni d'uso ragionevoli. Inoltre, questi livelli di esposizione sono generalmente inferiori a qualcosa di semplice come guardare il cielo blu.

    Esposizioni effettive degli occhi al pericolo della luce blu

    Una serie di studi sono stati condotti e supportati da media che affermano l'esistenza di effetti negativi nelle sorgenti di luce bianca. Nonostante ciò, le condizioni in cui sono stati effettuati questi esperimenti sono insolite e includono:

    • Un'esposizione prolungata
    • LED ad alta temperatura di colore.
    • Esposizioni significativamente maggiori di quelle espresse come limiti nell'ICNIRP
    • Fissazione di sorgenti luminose
    • Uso di modelli animali notturni o cellule umane in vitro.

    Detto questo, è fondamentale evidenziare diversi aspetti che esponiamo di seguito:

    E

    "Una fonte di luce bianca che emette luce blu a livelli sufficienti per avvicinarsi al limite di pericolo di esposizione alla luce blu deve essere estremamente brillante, producendo anche abbagliamento".

    E

    "L'illuminazione con una temperatura di colore molto elevata è percepita dalla maggior parte delle persone come sgradevole e scomoda, soprattutto nell'illuminazione domestica".

    E

    "Durante una normale situazione di illuminazione sperimentiamo esposizioni transitorie ad alti livelli di luce, e possiamo avere molte esposizioni al giorno. Nonostante ciò, l'accumulo di queste non supporrà di superare i limiti accettabili di esposizione".

    Conclusioni

    In questo modo, il CIE ha ritenuto che il pericolo di luce blu non sia importante per le sorgenti di luce bianca utilizzate nell'illuminazione generale.

    Tuttavia, si consiglia cautela per le esposizioni costanti che si avvicinano al limite di esposizione.

    D'altra parte, per le sorgenti che emettono principalmente luce blu, è necessario prestare particolare attenzione. Soprattutto nella mostra agli occhi dei bambini , sebbene non superi il limite di pericolosità della luce blu.

    Questa informazione dovrebbe essere enfatizzata quando si utilizzano queste sorgenti luminose in giocattoli o dispositivi che possono essere visti dai bambini. Ancora più importante nelle sorgenti luminose che emettono radiazioni viola.

    Si ipotizza inoltre che la luce blu sia correlata alla degenerazione maculare ; sebbene queste affermazioni non siano scientificamente supportate.

    Infine, il pericolo della luce blu non dovrebbe essere correlato al disturbo del sonno. Anche così, il CIE rimane prudente data la preoccupazione del pubblico e rilascerà una dichiarazione di posizione in seguito.